“A RIVEDER LE STELLE”. Premio di Poesie e Racconti dalla Quarantena

La quarantena ha improvvisamente stravolto le coscienze e aperto le umane porte “al contrario”, verso l’interno, costringendoci a dibattiti interiori e a rispondere a domande che il normale trascorrere dei tempi spesso tiene lontane. Fermi in un’indefinita pausa dal quotidiano consorzio umano, siamo costretti, o meglio invitati, a riflettere: sulle cause, sulle conseguenze, e cercando spiegazioni al susseguirsi delle vicende che sfugge al nostro controllo. In questo innaturale silenzio siamo chiamati a scrivere la storia e, al contempo, ad esserne testimoni in prima linea, con i nostri pensieri e i nostri racconti. Scrivere, raccontarsi ed esternare le proprie emozioni diventa così anche un modo per fuggire la paura, un farmakos dal grande valore terapeutico che tiene accesa la fiamma della nostra umanità, come accadde ai protagonisti del Decameron di Boccaccio durante la peste del 1348.

La speranza che diffondere la poesia e la letteratura possa alimentare un clima di maggiore comunione spirituale e di resilienza tra gli individui costretti a stare isolati gli uni dagli altri, ci ha spinto ad instituire il premio letterario A riveder le stesse. Poesie e racconti brevi dalla Quarantena.

Il concorso, che è dedicato a chi vuole confrontarsi coi propri sentimenti e a chi ha voglia di lasciare una traccia delle proprie emozioni, avrà come fine ultimo la pubblicazione di un libro che rimanga perenne testimone di questi tempi.

Il premio che accoglierà solo opere originali, sarà articolato in due sezioni: Poesia (massimo 40 versi) e Racconti brevi (massimo 2 cartelle) e vi potranno partecipare scrittori di tutte le fasce d’età, dai bambini (6-12), ai ragazzi (13-18), agli adulti. Al termine del mese di apertura del bando (dal 31 marzo al 1 maggio 2020) non verrà stilata una classifica “canonica” fra i partecipanti, ma i migliori 200 componimenti verranno pubblicati in un libro. Le “premiazioni” del concorso e la presentazione del volume avverranno (in data da definirsi) nel Comune di Bibbiena (Arezzo).

I componimenti e la scheda di partecipazione (firmata in originale e scansionata) andranno inviati alla mail:info@mazzafirra.com per qualsiasi informazione si può contattare il numero 339 5394252.

Il Premio è patrocinato dal Comune di Bibbiena e promosso da Mazzafirra per la Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *